Tuesday, 25 February 2014

Perdere l'amore - Massimo Reniere

http://www.youtube.com/watch?v=12CVkh73His&feature=youtube_gdata_player

My Italian obsession right now, "losing the love" is a sad and passionate song about the harsh passage of time. Listen with English translation here: 
http://www.youtube.com/watch?v=jJ_k43OOsXU&feature=youtube_gdata_player

Perdere l'amore

E adesso andate via
voglio restare solo
con la malinconia
volare nel suo cielo
non chiesi mai chi eri
perchè scegliesti me
me che fino ad ieri
credevo fossi un re

Perdere l'amore
quando si fa sera
quando tra i capelli
un pò d'argento li colora
rischi di impazzire
può scoppiarti il cuore
perdere una donna
e avere voglia di morire

Lasciami gridare
rinnegare il cielo
prendere a sassate
tutti i sogni ancora in volo
li farò cadere ad uno ad uno
spezzerò le ali del destino
e ti avrò vicino

Comunque ti capisco
e ammetto che sbagliavo
facevo le tue scelte
chissà che pretendevo
e adesso che rimane
di tutto il tempo insieme
un uomo troppo solo
che ancora ti vuol bene

Perdere l'amore
quando si fa sera
quando sopra al viso
c'è una ruga che non c'era
provi a ragionare
fai l'indifferente
fino a che ti accorgi
che non sei servito a niente

E vorresti urlare
soffocare il cielo
sbattere la testa
mille volte contro il muro
respirare forte il suo cuscino
dire è tutta colpa del destino
se non ti ho vicino

Perdere l'amore
maledetta sera
e raccogli i cocci
di una vita immaginaria
pensi che domani
è un giorno nuovo
ma ripeti non me l'aspettavo
non me l'aspettavo

Prendere a sassate
tutti i sogni ancora in volo
li farò cadere ad uno ad uno
spezzerò le ali del destino
e ti avrò vicino

Friday, 7 February 2014

The Theraputical Vanishing Act

I've been back in Utah for over a week now and I've been filling my days with writing, language, and the occasional documentary (alright - I also got hooked on the Sherlock Holmes BBC series) all in all it's been great because I've dropped off the radar.
There's something to be said about letting yourself get cut loose. This is an idea that first formulated when I got my phone stolen in Singapore. All the sudden I couldn't retreat into that hand-held world. Granted I had already taken the first step by having a separate phone for the agency (i.e. no data on my smart phone) and functioned on wifi-only. Then it was nothing. At first this translated to anxiety - not having an excuse for distraction - but slowly it became... well... liberating. I didn't need a map because I had looked around and knew my way. I was more observant, more entertained, and all around better adapted to my surroundings - all because I didn't have my phone on me.
Now I have my phone, but hardly have it in my hand. My ipad is used for translating and my laptop is used for research and writing. I have no obligations, no schedule, yet I find myself as busy as ever.
Vanishing - I highly recommend it.